Nelle pieghe della nuova legge sui domini collettivi, approvata qualche settimana fa, si annoverano anche i corsi d’acqua tra i beni di cui gli enti possono fruire.